Session #3 – il Quinto quarto

L’idea è di quelle malsane: organizzare un bel incontro di bbq per festeggiare i Natali di Roma del 21 Aprile; ovviamente, il tema della giornata non potrà che essere romanesco

Se è vero che l’american bbq nasce per cuocere e rendere appetibili i tagli poveri, che venivano lasciati agli schiavi, allora – anche in questo – i romani devono essere stati dei precursori, dato che il taglio che va per la maggiore a Roma, è quello che si butta via, il quinto, ovvero le interiora. E allora, si organizzano 7 postazioni in onore dei 7 colli e ci si organizza in squadre di 3/4 persone.

E 7 temi, uno per postazione: la TRIPPA, la CORATELLA, il CUORE BOVINO, la LINGUA e dato che animelle e pajata non si trovano in questo periodo, CODA, ABBACCHIO e PORCHETTA. Potremmo aprirci un ristorante d sicuro successo – nella capitale – con questi 7 piatti.

qintoqua (34)

La prima a partire, visti i tempi, è la porchetta e ci pensa – prima che arrivino tutti – il padrone di casa della location che ci ospita, la bellissima Ferramenta CARNEVALI; non sembra neanche un negozio, ma una casetta teletrasportata dalle alpi direttamente sui castelli con un giardino fantastico.

qintoqua-92

Il cuore seguirà il trattamento peruviano per gli anticuchos, ovvero marinatura del cuore affettato e sistemato su spiedini, per una rapida cottura su braci ardenti. In uno smoker ci va il pezzo più difficile: la coda. L’affumichiamo in low and slow per più di sei ore, per poi unirla al pomodoro e finirla in umido in foil.

qintoqua-90

Sulla trippa due ragazze scatenate col fuoco sacro della Sora Lella producono una delle migliori trippe al bbq degli ultimi 5 anni, mentre al tavolo di fianco, dopo aver pulito i carciofi, si procede a ridurre in dadolata polmoni, cuore e fegato dell’agnello – a.k.a. coratella – che dopo un rapido soffritto con cipolla si unirà ai carciofi.

qintoqua-91

In un’altra teglia un letto di sedano, carota e cipolle accoglie due lingue di manzo; saranno 3 ore a 120°C e un po’ di fumo (non troppo). La salsa verde sarà il giusto coronamento per una carne davvero burrosa. E infine, a Roma, potremmo mai fare a meno dell’abbacchio scottadito?

Si chiude con le irrinunciabili sbrisolone alla nutella by Fulvio, panettone-one-one – un po’ fuori stagione ma buonissimo –  prosecco e amari. E chi c’ammazza?

Alla fine solo facce sorridenti e la voglia di sapere la data della prossima session.

Comments

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Current ye@r *